Ambiente e Territorio

COMUNICATO STAMPA - Ciampino 19 gennaio 2020

QUALITÀ DELL'ARIA: L'ASSESSORE CAPPELLO RISPONDE ALLE POLEMICHE SULLA QUALITÀ DELL'ARIA DI CIAMPINO

In merito a quanto dichiarato dalle opposizioni di Ciampino sulla qualità dell'aria, l'Assessore all'Ambiente, Avv. Folco Cappello, ha dichiarato:
"In questi ultimi giorni si sono susseguite numerose dichiarazioni da parte delle opposizioni sul tema della qualità dell'aria. Questa continua ricerca della polemica e di una risibile visibilità, non fa che testimoniare, se ancora ve ne fosse stato bisogno, il basso livello raggiunto dalle opposizioni della nostra città. A inizio anno mi sembrava doveroso commentare e rendere pubblica una statistica relativa alla qualità dell'aria della nostra città basata su ben sedici anni di dati. Sedici anni in cui, a livello di sforamenti, nel 2018 e nel 2019 si sono raggiunti i risultati migliori di sempre a coronamento di un trend di miglioramento che non può essere smentito in alcun modo.

Al netto di questo dato incontrovertibile, appare evidente che condizioni climatiche particolari, come quelle di questi ultimi giorni, non solo a Ciampino, ma in tutto il Lazio e in tutta Italia, possano portare ad un ripetuto sforamento dei limiti di Pm10, condizione straordinaria che ovviamente porta all'adozione di misure straordinarie ed urgenti di contrasto del fenomeno, studiate con i nostri uffici, che ringrazio per la loro competenza e massima disponibilità, e pienamente condivise dalla nostra Amministrazione e poi attuate con relativa Ordinanza Sindacale.

Sono sinceramente dispiaciuto nel dover rispondere a continui e strumentali attacchi che pur di ingenerare paura nelle persone al fine di racimolare consenso politico, vorrebbero mettere a confronto statistiche più che decennali confrontandole con dieci giorni di condizioni meteorologiche estremamente specifiche, andando contro ogni forma di buonsenso scientifico. Come se non bastasse, per cercare di dare credito a dichiarazioni così fragili, si sono ricercate motivazioni ben lontane dalle realtà di un'amministrazione locale, che tirano in ballo le stesse normative nazionali e internazionali e tutto il sistema di raccolta dei dati, a riprova della totale mancanza di praticità di questi pseudo pontificatori.

Appare ormai evidente che la paura sia uno dei pochissimi strumenti rimasti in mano a coloro che hanno perso l'amministrazione di questa città dopo 25 anni e che sembrano ancora non riuscire a farsene una ragione. Trovo altrettanto risibile che proprio le persone che per tanti anni hanno governato Ciampino e che ci hanno lasciato i problemi che tutti i cittadini ben conoscono, possano oggi pensare di attaccare la nostra Amministrazione impegnata a rimediare ai loro trentennali errori.

Il tema della salute dei cittadini, non occorre ripeterlo, è per noi di primaria importanza. Quello relativo alla qualità dell'aria è un tema articolato, che non è semplice come qualcuno vorrebbe far credere e si affronta, come già dichiarato, con un'azione integrata che riguarda tutti gli aspetti del vivere quotidiano. Aspetti che vanno dal riscaldamento degli ambienti di vita e di lavoro, alla mobilità, all'adozione di corrette abitudini sempre più orientate verso una piena e matura sostenibilità ambientale.

Qualità dell’aria: provvedimenti per contrastare l’innalzamento del livello di PM10

Le centraline di monitoraggio sulla qualità dell’aria hanno rilevato una situazione di criticità dovuta al superamento dei livelli di PM10 consentiti per legge.
Al fine di contenere l’innalzamento del livello di PM10 nell’aria, il Sindaco Daniela Ballico, ha emesso l’Ordinanza n. 2 – provvedimenti per contrastare l’innalzamento del livello di PM10 con la quale vengono disposte una serie di misure volte al contenimento delle emissioni inquinanti a partire dal 17 gennaio 2020.
Il Sindaco, a partire dall’entrata in vigore di questa ordinanza e per un periodo subordinato all’esito dei controlli Arpa e comunque non prima che il limite di PM 10 nell’aria sia rientrato nella norma per due giorni consecutivi:
ORDINA
• il divieto di utilizzo di biomassa legnosa per riscaldamento domestico, ad eccezione di quello effettuato tramite impianti ad alta efficienza, e fatte salve, comunque, le abitazioni dove non siano presenti sistemi alternativi di riscaldamento.
• Il divieto di alimentare combustioni all’aperto, vale per qualsiasi tipologia: falò, rituali, barbecue, fuochi d’artificio, a scopo d’intrattenimento ecc.
• l’obbligo di provvedere a spegnere i motori dei veicoli in sosta o in sosta prolungata, in particolare nelle zone abitate (autobus in stazionamento ai capolinea, veicoli merci durante fasi di carico/scarico, autoveicoli in prossimità di incroci con traffico intenso, passaggio a livello, ect.);
• il divieto di circolazione ai veicoli a motore endotermico Euro 0- Euro 1- Euro 2- Euro 3 a benzina ed Euro 0 – Euro 1 – Euro 2 – Euro 3 – Euro 4 Diesel e i motoveicoli a quattro tempi Euro 0 ed euro 1 , dalle ore 09:00 alle ore 12:00 e dalle ore 16:00 alle ore 20:00 dei giorni 18-19 Gennaio 2020;
INVITA
la cittadinanza ad attuare una serie di “comportamenti virtuosi” per contribuire al miglioramento della qualità dell’aria, come di seguito riportato:
• ridurre a 9 (nove) ore il funzionamento degli impianti di riscaldamento, nonché diminuire a 18°C (diciotto) la temperatura impostata nei suddetti impianti;
• accertarsi che i propri impianti di riscaldamento siano a norma con i controlli periodici imposti dalla normativa vigente;
• evitare di scaldare i motori degli autoveicoli da fermi;
• provvedere a spegnere i motori dei veicoli in sosta o in sosta prolungata, in particolare nelle zone abitate (autobus in stazionamento ai capolinea, veicoli merci durante fasi di carico/scarico, autoveicoli in prossimità di incroci con traffico intenso, passaggio a livello, ect.);
• per i veicoli dotati del dispositivo START/STOP si invita ad attivarlo;
• utilizzare i mezzi pubblici per gli spostamenti;
• utilizzare in modo condiviso l’automobile per diminuire il numero dei veicoli circolanti (carsharing, carpooling);
• effettuare verifiche periodiche agli scarichi di tutti i veicoli a motore endotermico tradizionale (verifiche aggiuntive oltre a quelle obbligatorie).

Pin It

Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It