Salute

ZINGARETTI ED I SUOI ESPERTI INCAPACI DI TROVARE LE SOLUZIONI

---I RIMEDI ECONOMICI ED ORGANIZZATIVI PER LA MIGRAZIONE SANITARIA NEL LAZIO

 

 

 


LA MIGRAZIONE SANITARIA DALLA NOSTRA REGIONE STA RAGGIUNGENDO LIVELLI NON GIUSTIFICABILI, CONSIDERANDO LA NOTEVOLE RICCHEZZA DI STRUTTURE DI ALTO LIVELLO (UNIVERSITA’, IRCCS ETC.).


IL LAZIO E’ LA REGIONE CON IL PIU’ ALTO “INDICE DI FUGA”, CHE IDENTIFICA LE PRESTAZIONI EROGATE AI CITTADINI AL DI FUORI DELLA REGIONE DI RESIDENZA, SURCLASSANDO ADDIRITTURA LA CAMPANIA.


I DEBITI PER MOBILITA’ SANITARIA PASSIVA SONO I PIU’ ALTI D’ITALIA E, NELL’ANNO 2017, AMMONTAVANO A BEN 650 MILIONI DI EURO.
QUESTI COSTI, AGGIUNTI ALLA PERDITA DI GIORNATE DI LAVORO, ALLE SPESE DI VIAGGIO E SOGGIORNO (SPESSO ANCHE DI FAMILIARI O ACCOMPAGNATORI), POSSONO FAR ARRIVARE AD UNA DIMINUZIONE DEL P.I.L., PER LA NOSTRA REGIONE, VICINO AL MILIARDO DI EURO; UN DANNO GRAVE PER LA REGIONE LAZIO, CONSIDERANDO ANCHE LA RIDUZIONE DI OPPORTUNITA’ DI LAVORO NELLE ATTIVITA’ SANITARIE E NELL’INDOTTO.


ESISTE UNA SOLUZIONE REALISTICA A QUESTA PROBLEMATICA?


PRIMO STEP: INDIVIDUARE CON PRECISIONE IL TIPO DI PATOLOGIE, PRESTAZIONI, RICOVERI CHE SONO SOGGETTI AD ESODO, IDENTIFICANDO ALTRESI’ LE TECNOLOGIE INNOVATIVE UTILIZZATE IN ALTRE REGIONI.


SECONDO STEP: IDENTIFICARE LE STRUTTURE EXTRAREGIONE SEDE DI MIGRAZIONE SANITARIA.


TERZO STEP: VALUTARE I COSTI DI RIMBORSO CHE LA REGIONE LAZIO EROGA ALLE SINGOLE STRUTTURE.


QUARTO STEP: PROPORRE DI EROGARE LE STESSE PRESTAZIONI NELLA REGIONE LAZIO UTILIZZANDO STRUTTURE DISMESSE MA RISTRUTTURATE DI RECENTE (NELLA NOSTRA ASL ROMA 6, PER ESEMPIO, P.O. GENZANO E MARINO) NEL LIMITE DEL BUDGET DELL ANNO 2018 PAGATO DALLA REGIONE.


FATTA QUESTA RICOGNIZIONE, QUALORA NON SI RAGGIUNGESSERO ACCORDI CON I CENTRI EXTRAREGIONALI, IL BUDGET DELLA REGIONE LAZIO NON UTILIZZATO POTREBBE ESSERE MESSO A DISPOSIZIONE NEL BILANCIO REGIONALE PER ENTI SANITARI DI ALTO LIVELLO PUBBLICI O ACCREDITATI SITI NELLA NOSTRA REGIONE CHE SI IMPEGNINO A GARANTIRE, PRESSO LE STRUTTURE DI CUI SOPRA (4°STEP), LA STESSA TIPOLOGIA E LO STESSO LIVELLO DI PRESTAZIONI E/O RICOVERI DELLE STRUTTURE EXTRAREGIONE.

TUTTO CIO’ A COSTO ZERO PER IL BILANCIO REGIONALE.  COME MAI I VERTICI REGIONALI NON CI HANNO PENSATO?

Dott. Salvatore Pace - Segretario provinciale UGL Medici

Dott. Giovanni Venditti - Consiglio nazionale ASMI, Associazione Stampa Medica Italiana 

Pin It

Social Bookmark

FacebookMySpaceTwitterDiggDeliciousStumbleuponGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It